Domenica 14 Agosto 2022
 Home Page » Progetti di educazione ambientale » RISERVE NATURALI » Il SIC di M. Matassaro, M. Gradara e M. della Signora: dalla conoscenza alla fruizione consapevole Sentiero Naturalistico: Dal Santuario del Romitello all'Acqua del Porco Spino 
Il SIC di M. Matassaro, M. Gradara e M. della Signora: dalla conoscenza alla fruizione consapevole. Sentiero Naturalistico: Dal Santuario del Romitello all'Acqua del Porco Spino   versione testuale
Liceo Scientifico Statale "Santi Savarino"



Il progetto "Il SIC di M. Matassaro, M. Gradara e M. della Signora: dalla conoscenza alla fruizione consapevole" – Sentiero Naturalistico: "Dal Santuario del Romitello all’Acqua del Porco Spino" ha visti coinvolti gli alunni del Liceo Scientifico Statale "Santi Savarino" di Partinico. La tematica del progetto è stata incentrata sullo studio del Sito di Importanza Comunitaria, inserito nei Piani di Gestione e commissionato dall’Arpa, per l’individuazione e la realizzazione del Sentiero Naturalistico. Gli obiettivi e le tematiche principali del progetto sono state il coinvolgimento degli alunni per renderli più consapevoli delle problematiche e delle conseguenze in materia di ambiente riguardo l’ingresso dell’Italia nell’Unione Europea; la capacità di censire, inquadrare e studiare sul campo le peculiarità geologiche presenti nel Sentiero Naturalistico del SIC, con esperienze finalizzate alla valorizzazione e fruizione; la redazione di una lista aggiornata della flora vascolare, dei consorzi vegetali, presenti lungo il Sentiero Naturalistico del SIC, della fauna vertebrata; la realizzazione di attività di orientamento e di un repertorio fotografico.
Il progetto si è articolato in due fasi. Nella prima sono stati effettuati quattro incontri in aula in cui è stato presentato il Sic: la sua geologia e morfologia, il clima, l’ecologia, la storia, uso e abuso del territorio e l’educazione ambientale. La seconda fase ha riguardato il lavoro sul campo. Si sono svolte tre escursioni nell’ambito territoriale di M. Crocefia, in cui sono state effettuate attività di orientamento e uso di carte topografiche. di osservazione e analisi dei processi morfogenetici in atto; di analisi del clima a diverse scale, supportata da esperienze pratiche sul campo. I materiali realizzati a conclusione del progetto sono composti da schede per il censimento del patrimonio geologico del SIC; schede per la descrizione delle principali unità del paesaggio vegetale del SIC, Check-list aggiornata della flora, elenco dei consorzi vegetali, schede-tipo per la descrizione della fauna vertebrata presente nei diversi habitat del SIC, locandine illustrative da inserire nel sito web dell’Istituto, cd-rom multimediale; pannelli e schede didattiche da porre lungo il Sentiero; opuscoli informativi e un Piano di Fruizione del Sentiero Naturalistico. Le attività progettuale si sono concluse, infine, con una manifestazione di inaugurazione del Sentiero Naturalistico, realizzato all’interno del SIC che collega il Santuario del Romitello all’Acqua del Porco Spino,
Il progetto ha avuto una grande valenza per il suo coinvolgimento territoriale di Associazioni ambientaliste che operano nel territorio, Associazioni agricolo-pastorali, Gruppi locali che si occupano della sentieristica e Cooperative varie. Un ruolo fondamentale è stato ricoperto dall’Azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana, ente gestore del SIC, che ha anche fornito e posto all’inizio e al termine del sentiero due grandi strutture in legno su cui montare i pannelli ostensivi di maggiori dimensioni e 24 supporti per le "finestre" didattiche disseminate lungo il sentiero stesso.
 
Pannello del sentiero realizzato dagli alunni

 
cerca