Domenica 14 Agosto 2022
 Home Page » Progetti di educazione ambientale » RISERVE NATURALI » Riserva marina di Capo Gallo... un gioiello dell'ecosistema marino da scoprire e valorizzare 
Riserva marina di Capo Gallo... un gioiello dell'ecosistema marino da scoprire e valorizzare   versione testuale
Scuola Secondaria Statale di I Grado "Camillo Benso Conte di Cavour"



Il progetto "Riserva marina di Capo Gallo… un gioiello dell’ecosistema marino da scoprire e valorizzare" ha coinvolto gli alunni della Scuola Secondaria Statale di I Grado "Camillo Benso Conte di Cavour" di Palermo. Tema del progetto è stato la salvaguardia e il rispetto dell’ambiente marino della riserva di Capo Gallo come strumento interdisciplinare per favorire l’interazione scuola-territorio, attraverso l’osservazione e l’acquisizione diretta delle informazioni. Obiettivi e finalità principali hanno riguardato lo sviluppo delle capacità di osservazione e di ascolto; la conoscenza dell’ambiente marino e del concetto di biodiversità; la conoscenza delle riserve naturali e della loro normativa; la capacità di individuare l’intervento dell’uomo negli ambienti; la consapevolezza delle problematiche ecologiche del Comune di Palermo; l’acquisizione di comportamenti responsabili a difesa dell’ecosistema marino e la capacità di elaborare ipotesi d’intervento ambientale risolutive.
Il progetto si è articolato in due fasi. Nella prima sono state approfondite alcune tematiche relative all’educazione ambientale, all’ecosistema marino, alle riserve e all’inquinamento marino. Sono stati proiettati documentari sulla riserva di Capo Gallo e i ragazzi hanno prodotto disegni delle specie marine. Nella seconda fase sono state affrontate le tematiche interdisciplinari. Si è parlato della riserva marina dal punto di vista legislativo con l’uso delle carte topografiche di Palermo; sono state illustrate tecniche di pittura per il disegno; è stato spiegato l’uso del Power Point per la realizzazione dell’ipertesto. Il progetto si è concluso con una visita guidata a Capo Gallo, a bordo di una barca dotata di monitor esterno, guidata da un esperto subacqueo che, attraverso l’uso di una telecamera subacquea e interfono ha svolto una lezione di biologia marina in diretta dal fondo del mare. L’originalità del progetto si ritrova nell’approccio interdisciplinare che si è voluto realizzare con la compresenza in aula di diverse docenze, consentendo di sviluppare lo stesso tema del rispetto e della salvaguardia delle riserve marine protette da più punti di vista.
 
Fondale marino della riserva di Capo Gallo

 
cerca